PubblicazioniRicercaTelevisitaTop news

Test della vista a distanza grazie all’App TreC Oculistica. Lo studio pubblicato sull’European Journal of Pediatrics

22 Maggio 2024 By

Lo studio “Una nuova App per smartphone a supporto della pratica clinica di oftalmologia e strabismo pediatrico: la validazione dei test di acuità visiva(A novel smartphone App to support the clinical practice of pediatric ophthalmology and strabismus: the validation of visual acuity tests) – pubblicato su #EJP (European journal of Pediatricsed. Springer) lo scorso giugno 2023 – è stato selezionato da un comitato tecnico e promosso sulla newsletter di AAPOS*, l’American Association for Pediatric Ophthalmology and Strabismus.

Ogni mese il comitato tecnico dell’Associazioe, che conta oltre 2000 membri e ha sede a Roseville, Minnesota – Stati Uniti, invita a sottomettere i progetti che rivestono una particolare importanza per darne notizia sulla propria newsletter.

E’ così la ricerca trentina ha trovato spazio nell’aggiornamento periodico che raggiunte gli specialisti in tutto il mondo e rappresenta quindi l’occasione di far conoscere alla comunità scientifica internazionale le attività innovative che si svolgono in Provincia di Trento nell’ambito dell’oculistica pediatrica.


L’indagine oggetto dell’articolo scientifico, la cui prima autrice è la dottoressa Elisabetta Racano, oftalmologa pediatrica in forza all’Unità operativa multizonale di Oculistica di Trento e Rovereto dell’Azienda provinciale per i Servizi sanitaria, ha avuto lo scopo di descrivere la app per smartphone TreC Oculistica, utilizzata dall’equipe durante la pandemia Covid-19, e di validare i test di acuità visiva in ambiente domestico. L’App per smartphone, sviluppata dai ricercatori della Fondazione Bruno Kessler, è stata prescritta a quasi 100 pazienti idonei tra settembre 2020 e marzo 2022.

Con la telemedicina, i test a distanza dell’acuità visiva, della motilità oculare e della postura della testa non si sono interrotti durante l’emergenza sanitaria. Le valutazioni effettuate da remoto si sono rivelate accurate e fondamentali, grazie a test stampati su carta o utilizzati tramite l’app direttamente dai pazienti, prima di recarsi alla visita di controllo. I dati emersi dalla sperimentazione suggeriscono che la verifica della vista da casa può essere accurata per i bambini più grandi e più cooperativi (età media 11,6 anni). Meno performante si è invece dimostrata la sperimentazione con i bambini più piccoli, che non hanno mostrato la stessa congruenza tra le valutazioni della vista fatte in autonomia dalla propria abitazione e in ambulatorio. Strumento fondamentale per questa valutazione è stata la App Trec Oculistica, scaricata e attivata da 97 pazienti o dai loro caregiver.

L’allineamento degli occhi e la motilità oculare, così come la postura della testa, sono stati testati con le app messe a disposizione dei medici per le famiglie coinvolte, e che si sono rivelate facili e intuitive da usare. Esito positivo della sperimentazione anche da parte dei clinici, in particolare per la raccolta di dati utili alla valutazione preventiva di possibili problematiche della vista.

🟢Link alla newsletter di AAPOS*, l’American Association for Pediatric Ophthalmology and Strabismus

🎬🎥Video della sperimentazione: https://www.youtube.com/watch?v=rPdWZMoCwTk

 

*AAPOS è l’Associazione Americana per l’Oftalmologia Pediatrica e lo Strabismo. Gli obiettivi dell’organizzazione sono migliorare la qualità della cura degli occhi dei bambini, sostenere la formazione degli oftalmologi pediatrici, sostenere le attività di ricerca in oftalmologia pediatrica e promuovere la cura degli adulti affetti da strabismo.


*L’utilizzo di contenuti coperti da proprietà intellettuale è effettuato nel rispetto di quanto garantito dagli art. 2, 21, 33,
della Costituzione e dell’art.70 della legge sul diritto d’autore.

*La pubblicazione è realizzata con il contributo della Provincia autonoma di Trento nell’ambito dell’accordo di finanziamento per il programma “TrentinoSalute4.0”



About the Author

Marzia Lucianer: Marzia Lucianer, giornalista scientifica, responsabile Press Office and Digital Communication di TrentinoSalute4.0