Progetti EURicercaTop newsTreC CardioTreC Diabete

JACARDI: al via il progetto quadriennale per le malattie cardiovascolari e il diabete

18/12/2023 By

(CS a cura dell’Ufficio stampa PAT del 16/12/2023 )

La Provincia, insieme ad Azienda sanitaria e a TrentinoSalute4.0 partecipano al progetto quadriennale dell’Istituto superiore di Sanità

Un’azione congiunta per le malattie cardiovascolari e il diabete

Punta a ridurre il peso delle malattie cardiovascolari e del diabete l’azione congiunta promossa dall’Istituto superiore di Sanità, alla quale partecipa, insieme a numerosi altri enti, anche la Provincia autonoma di Trento. JACARDI, questo l’acronimo del progetto quadriennale, coinvolge ministeri, enti sanitari pubblici, organizzazioni non governative e università di 21 Paesi Europei (73 partner complessivi), mira ad assistere l’Unione Europea (UE) nel ridurre il peso delle malattie cardiovascolari (CVD), del diabete e dei fattori di rischio associati, sia a livello individuale sia sociale.

66.249.434,21 euro è il budget complessivo, di cui 282.490,70 euro sono riservati alla Provincia incluso un subcontracting di 110.000 euro per l’Azienda provinciale per i servizi sanitari. “Sono tre le azioni chiave sulle quali punteremo nei prossimi anni per raggiungere l’obiettivo di ridurre gli effetti di queste due gravi malattie sul nostro territorio – commenta l’assessore alla salute, Mario Tonina. In primo luogo è necessario migliorare la qualità e la disponibilità dei dati su diabete e malattie cardiovascolari, quindi vanno naturalmente ulteriormente migliorati i percorsi di cura, infine, e questo è l’aspetto cruciale, va aumentata la consapevolezza e la partecipazione attiva dei pazienti nel processo di gestione della propria salute e della propria patologia cronica. E questo lo possiamo fare sia attraverso azioni di sensibilizzazione, che mediante il supporto di strumenti innovativi, come appunto la piattaforma TreC+ che è già stata implementata su diabete e cardio”, conclude l’assessore provinciale.

[ didascalia foto: Dipartimento Salute PAT]

Qualche giorno fa a Roma si è tenuto il primo meeting rivolto al progetto, con oltre 200 partecipanti in presenza e remoto provenienti da tutta Europa che hanno affrontato alcune tematiche cruciali come le disuguaglianze etniche in materia di salute, le priorità della politica sanitaria dell’UE e quelle dell’Organizzazione mondiale della Sanità verso queste due malattie.

Gli obiettivi principali del progetto JACARDI (Joint Action on CARdiovascular diseases and DIabetes) sono:

  • Ridurre il carico di malattie cardiovascolari e di diabete mellito migliorando e rafforzando: l’alfabetizzazione sanitaria, la promozione della salute e la consapevolezza; la qualità, la disponibilità, l’accessibilità e l’uso dei dati; l’identificazione della popolazione ad alto rischio; i percorsi di cura integrati; ‘autogestione dei pazienti; vi) la partecipazione al mondo del lavoro.
  • Condurre una mappatura completa e identificare le migliori pratiche disponibili nell’UE.
  • Sviluppare un quadro metodologico standardizzato per l’attuazione e la valutazione dei progetti pilota.
  • Garantire la raccolta di dati quantitativi e qualitativi completi e di alta qualità per consentire la valutazione sanitaria ed economica dell’implementazione del progetto pilota.
  • Garantire la sostenibilità dei progetti pilota JACARDI.

La Provincia autonoma di Trento partecipa direttamente all’iniziativa, supportata dall’Azienda sanitaria e dal Centro di Competenza per la Sanità digitale TrentinoSalute4.0. Il progetto si innesta nell’importante ruolo di gestione dei pazienti cronici svolto dagli operatori sanitari del nostro territorio, specialisti e medici di medicina generale in particolare, poggiandosi anche sul lavoro che medici di medicina generale e Azienda sanitaria stanno conducendo in relazione allo sviluppo di attività di telemedicina come il teleconsulto.
Gli Enti italiani, affiliati all’Istituto superiore di Sanità, che è coordinatore del progetto e Autorità competente per l’Italia, oltre alla Provincia, sono: il ProMIS (Programma Mattone Internazionale), la Regione Marche, la Regione Lombardia, l’Azienda Ligure Sanitaria della Regione Liguria, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinicol’Azienda sanitaria locale TO3, l’Azienda sanitaria provinciale Reggio Calabria, l’Università commerciale Luigi Bocconi, la Fondazione IRCSS Istituto Neurologico Carlo Besta, la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli, gli Istituti Clinici Scientifici Maugeri, l’Istituto nazionale di Riposo e Cura per Anziani INRCA, l’IRCSS Burlo Garofolo, l’Università degli Studi di Firenze, l’Università degli Studi di Torino.

> Link a scheda di presentazione della CE su Jacardi

> Link a scheda di presentazione del ProMIS su Jacardi

Sintesi:
La Joint Action on CARdiovascular diseases and DIabetes (JACARDI
è una Joint Action comune europea (JA) finanziata nell’ambito del programma EU4Health, che coinvolge 21 paesi dell’UE e 77 partner.

L’obiettivo generale di JACARDI è ridurre il numero delle malattie cardiovascolari (CVD) e del diabete (DM) nei paesi dell’UE, sia a livello individuale che comunitario. 

JACARDI è progettato per integrare le migliori pratiche convalidate e/o interventi (economici) efficaci in tutti i paesi e le regioni attraverso iniziative pilota transnazionali, integrando e rafforzando le politiche e i programmi esistenti. L’iniziativa copre l’intero “viaggio del paziente”, dal miglioramento dell’alfabetizzazione sanitaria e della consapevolezza della CVD/DM, passando attraverso lo screening e la prevenzione primaria tra le popolazioni ad alto rischio, raggiungendo le persone che vivono con CVD/DM e i loro operatori sanitari, migliorando i percorsi di servizio, l’auto-gestione e partecipazione al lavoro.



About the Author

Marzia Lucianer: Marzia Lucianer, giornalista scientifica, responsabile Press Office and Digital Communication di TrentinoSalute4.0